Progetto Outdoor: quando i musei vanno a scuolatempo di lettura: 4 minuti

Phase Italia Blog - Progetto Outdoor - quando i musei vanno a scuola - vista di una classe che assiste ad una spiegazione di un'opera

In collaborazione con il Museo Novecento di Firenze nasce il Progetto Outdoor: portare nelle scuole per un giorno un’opera proveniente dal museo fiorentino.

Da qualche tempo a questa parte, a Firenze, è in corso una “rivisitazione” del concetto delle gite scolastiche nei musei: da sempre i ragazzi infatti erano abituati ad essere accompagnati dai docenti a far lezione all’interno delle sale dei musei d’Italia (o d’Europa), per conoscere ed entrare in contatto con le opere d’arte ivi presenti.

Ma cosa succederebbe se il classico paradigma venisse ribaltato e quindi, invece che portare un’intera classe fuori per una gita (con tutte le relative responsabilità per i docenti), un’opera d’arte venisse trasportata in una scuola di modo che tutti i ragazzi possano trovarsi, rimanendo comodamente a scuola, in una sorta di museo temporaneo?

Questo il concetto alla base di Outdoor, progetto ideato dal direttore artistico del Museo Novecento Sergio Risaliti e realizzato dall’Associazione MUS.E.

Phase Italia Blog - Progetto Outdoor - quando i musei vanno a scuola - bambino osserva da vicino opera d'arte

Il progetto Outdoor nasce per portare l’arte in scuole, ospedali, carceri, istituti per anziani, biblioteche, aziende e case private e per rispondere ad un duplice intento: promuovere la conoscenza attraverso un approccio totalmente diverso da quello a cui siamo abituati di solito e di favorire un’interazione più completa con l’opera, facendo leva sulla possibilità di poter ammirare l’opera veramente da vicino.

La presentazione viene di volta in volta curata da un esperto che, dopo una veloce disamina sull’artista, passa ad una descrizione dell’opera, mettendone in luce tutti gli aspetti.

“Molte azioni sono necessarie per valorizzare e divulgare arte, e la mediazione culturale all’interno di un museo è la prima tra queste”, spiega Sergio Risaliti“Abbiamo immaginato di creare un ulteriore collegamento tra le opere della collezione e il pubblico, invertendo la direzione. In questo caso sono le opere che raggiungono le persone nel loro habitat quotidiano. In primis i bambini e i ragazzi nelle scuole. Ci sposteremo, però, anche negli ospedali, nei luoghi di detenzione, nelle aziende e perfino nelle case private. Immaginate la sorpresa! Un quadro arriva in classe direttamente dal museo. Che emozione. Una famiglia ospita una scultura per una sera. L’azienda si ferma per un’ora per dedicarsi alla contemplazione di un’opera d’arte. Quale privilegio! Per un giorno essere custodi di un bene prezioso come l’arte”.

Natura morta con carpa e conchiglie e limoni nel paesaggio di Pomposa di Filippo De PisisAlbero viola e casa bianca di Severo Pozzati sono le opere che fino al momento sono state le protagoniste di questo fantastico progetto in altrettante scuole; positivissime le reazioni degli studenti che, di età ed istituti diversi, si sono esibiti nelle domande più disparate e interessanti.

In bocca al lupo quindi a Museo Novecento di Firenze e a Sergio Risaliti per questa bellissima iniziativa!

Lo sapevi che all’interno del catalogo prodotti Phase Italia trovi una vastissima gamma di soluzioni per il restauro pittorico?

Articoli Recenti
Phase Italia blog - Da Chicago oltre 52mila opere d'arte pronte per il download - A saturday on la grande jattePhase Italia Blog - Replicare opere d'arte sui social network - foto 11